2006

NASCE IL COMITATO PROMOTORE DELLA BCC DI NAPOLI, inaugurando un nuovo modello, innovativo per il sistema del Credito Cooperativo, con l’obiettivo ambizioso, mai raggiunto da nessuno fino a quel momento, di creare per la prima volta una banca di credito cooperativo nella realtà urbana di una grande città come Napoli.

2009

Si approva il primo Bilancio di Esercizio della BCC di Napoli. Da una base sociale di 1.400 Soci, in poco più di 2 anni, da 1.500 Soci si arriva a 2.200 Soci, con un capitale sociale pari a circa 4,6 milioni di euro. Il 28 maggio del 2009 si inaugura la sede in via Roberto Bracco, nel cuore del distretto economico della città di Napoli, dove sono presenti tutti i maggiori istituti di credito.

2010

La Banca ha un anno di vita e il 15 maggio 2010 presenta ai soci il primo vero Bilancio d’Esercizio con dati assolutamente interessanti per una banca in fase di start up:

  • La raccolta totale si attesta a 21 milioni di euro
  • Gli impieghi raggiungono quota 6,3 milioni di euro
  • I soci sono 2.818
  • Il capitale circa 5,6 milioni di euro

2011

COOPERIAMO PER LA RI-SCOPERTA DI NAPOLI
E’ l’anno del Giubileo della Città di Napoli e la BCC di Napoli viene nominata dal Cardinale Crescenzio Sepe “Banca del Giubileo”. L’Assemblea dei Soci della BCC di Napoli, inizia a diventare un vero e proprio evento cittadino, con oltre 500 partecipanti, tra soci e personalità del panorama produttivo della città. Triplicano i valori di IMPIEGHI, CAPITALE, SOCI e RACCOLTA.
La BCC di Napoli modifica il proprio statuto anticipando tutte le altre BCC: da questo momento il Presidente è eletto dall’assemblea dei soci (in quell’anno 3.000) e non più dal CdA (12 membri). Garantendo così che l’elezione sia veramente l’espressione della volontà dei Soci.

2012

DIVENTA IL CAMBIAMENTO CHE VUOI VEDERE
Si chiude il primo triennio.

Il 5 maggio si presenta il Bilancio dell’Esercizio 2011 e si rinnovano le carichesociali. Il CdA uscente viene riconfermato e viene nominato il primo consigliere donna, solo 3 anni più tardi la Banca d’Italia sottolineerà l’importanza di genere all’interno dei Board dei CdA, la BCC di Napoli ancora una volta anticipa i tempi. La Banca cresce e chiude con lo straordinario utile di 1 milione di euro. In soli tre anni la BCC di Napoli è stata fondata, ha aperto al pubblico e chiude in utile il proprio bilancio.

2013

LA BANCA DI NAPOLI PER NAPOLI
La BCC di Napoli, la Banca della Città. L’Assemblea dei Soci è ormai un evento di riferimento, con oltre 800 presenze. Per intensificare e rendere più dinamico il rapporto con i soci, oltre ai tradizionali canali di comunicazione, nascono le pagine Facebook, Twitter, la Newsletter e viene creato l’Ufficio Soci.

Nella classifica annuale pubblicata a dicembre 2013 dalla rivista BANCA E FINANZA, la BCC di Napoli si classifica al 12° POSTO PER LA PRODUTTIVITA’ e al 9° POSTO PER LA REDDITIVITA’. E nella classifica impieghi di Iccrea BancaImpresa, si classifica al 1° POSTO TRA TUTTE LE BCC IN CAMPANIA per finanziamenti erogati.

2014

CI SIAMO!
La BCC di Napoli dimostra costantemente solidità: attesta il proprio CET 1 al 40,15%, cinque volte superiore a quanto previsto dagli obblighi di legge. Nella classifica annuale pubblicata a dicembre 2014 dalla rivista BANCA E FINANZA la BCC di Napoli si classifica al 5° POSTO PER IL COMPARTO BANCHE MINORI e al 2° POSTO PERLA REDDITIVITÀ.
Ed è tra le prime 10 BCC premiate per l’operazione “BCC ad Alto Volume” nata  da Iccrea BancaImpresa per premiare le BCC che hanno maggiormente incrementato lo sviluppo dei prodotti strategici.

2015

IERI OGGI E DOMANI, IL FILO CONDUTTORE SI CHIAMA IMPEGNO
Nel 2015 inauguriamo la nuova sede della BCC di Napoli, in via Cervantes, una Sede che risponde in pieno alle esigenze di Soci e Clienti ed allo spirito di una Banca di Relazione. La BCC di Napoli continua ad avere un rapporto Impieghi/Sofferenze tra i più virtuosi del sistema bancario.

2016

BCC DI NAPOLI: PER FARE BANCA? CERVELLO E CUORE
In occasione dell’Assemblea annuale dei Soci, la BCC di Napoli organizza, lanciando la prima campagna “Una Banca con Napoli nel Cuore”, un Concerto di Beneficenza per raccogliere i fondi necessari all’acquisto del macchinario “Alter G” per la riabilitazione dei bambini degli ospedali pediatrici di Napoli.
Firmando, alla presenza del Ministro della Salute Lorenzin un protocollo d’intesa con la Fondazione Santobono-Pausilipon Onlus. Il cuore grande di Napoli risponde: +900 presenze, oltre 50.000 euro raccolti per la causa. Artisti come Peppino di Capri, Valentina Stella, Gigi Finizio, Lino d’Angiò regalano una serata indimenticabile per emozioni e musica, rinunciando al proprio cachet.

SIAMO UNA BANCA NATA IN UNO DEI PERIODI STORICI DI MAGGIORE CRISI ECONOMICA E SOCIALE MONDIALE, NONOSTANTE TUTTO ABBIAMO CONTINUATO A PERSEGUIRE OBIETTIVI E IMPEGNI DI CRESCITA PER IL NOSTRO TERRITORIO E LA NOSTRA COMUNITÀ, RAGGIUNGENDO UTILI DI ESERCIZIO IMPORTANTI, OGNI ANNO.